Alimentazione

Trending:


Dolcificanti e corretta alimentazione, alleati per combattere l'obesità

Roma, 27 feb. (askanews) - Sovrappeso e obesità sono fra i principali fattori di rischio per la salute, considerati responsabili di oltre 64mila decessi, il 10% del totale delle morti per malattia. In occasione della Giornata mondiale contro l'obesità gli esperti tornano a ribadire come aumento dell'attività fisica e adozione di un'alimentazione corretta siano aspetti chiave per la prevenzione. Attualmente in Italia sono 5,6 milioni le persone affette da obesità, l'11,4% della popolazione, mentre l'eccesso di peso riguarda il 47,3% degli adulti e il 27,2% di bambini e adolescenti. E una strategia nutrizionale adeguata può vedere nei dolcificanti uno strumento capace di aiutare a ridurre l'apporto calorico e a controllare il peso corporeo. Luca Piretta, gastroenterologo e professore di allergie e intolleranze alimentari presso l'Università Campus Bio Medico di Roma: "Gli edulcoranti rappresentano un tassello nell'educazione alimentare della nostra vita, vanno a sostituire gli zuccheri semplici che sono uno degli anelli deboli, o comunque di maggior rischio, per il nostro stato di salute quando vengono consumati in eccesso. Abbiamo quelli sintetici e quelli non sintetici ma fondamentalmente la loro funzione è quella di dolcificare quello che mangiamo con zero o pochissime calorie, ecco perché possono avere un impatto positivo sull'obesità perché vanno a ridurre l'apporto complessivo delle calorie giornaliere. Non possono essere considerati un sotterfugio o una scorciatoia per dimagrire o perdere peso perché hanno una loro utilità solo ed esclusivamente se inseriti in un contesto di alimentazione che deve seguire i pattern dettati dalle linee guida per una sana alimentazione pubblicate nel 2018. In questo contesto vediamo che l'assunzione massima raccomandata, quella del 15% del totale delle calorie di zuccheri semplici, può essere a sua volta maggiormente ridotta se noi impieghiamo gli edulcoranti come sostituti degli zuccheri semplici". Ecco perché l'esperto ha sviluppato con il Gruppo Edulcoranti di Unione Italiana Food un vademecum con alcuni consigli pratici su come combattere l'obesità (anche con l'aiuto dei dolcificanti) attraverso una dieta sana e bilanciata e stili di vita salutari. "Il primo punto da tenere presente - sottolinea - è l'adozione di un'alimentazione equilibrata: questo è il punto di partenza. Secondo, mantenere un'attività fisica regolare: questo è fondamentale non solo per il consumo delle calorie, ma per una sana composizione corporea. Terzo punto, ricordiamoci di rispettare gli orari dei pasti che purtroppo non lo fa più nessuno, e ricordarci che nella prima parte della giornata andrebbero consumate la maggior parte delle calorie, quindi una colazione importante e una cena povera. Altro punto è quello di mantenere il consumo degli zuccheri semplici al di sotto delle raccomandazioni dei Larn, che sono i livelli di assunzione raccomandati, al di sotto del 15% del totale delle calorie e su questo ci possono aiutare ovviamente gli edulcoranti. Il sonno è una tappa fondamentale della nostra giornata perché dormire male porta, non solo a vivere male la giornata, ma modifica in modo importante i ritmi metabolici del nostro organismo. Ultimo punto chiave è quello di consultare gli specialisti, i professionisti quando ci sono dei dubbi in termini di alimentazione o sana educazione alimentare. Perché il fai da te è sempre deleterio da qualunque punto di vista".


Dieta per Capelli più Sani

Dieta per capelli sani: cosa mangiare? Quali nutrienti richiedono i capelli? E' necessario introdurne di più? I capelli sono peli, cioè annessi cutanei cheratinizzati (la cheratina è una proteina) che originano a livello corneo (uno dei vari strati) della cute dei mammiferi (comunemente definita pelle); gli annessi cutanei sono diversi (peli, unghie, ghiandole sudoripare e sebacee) e differiscono tra loro per relativa struttura e funzione; i...


Dispepsia funzionale, un nuovo farmaco per trattare sintomi ricorrenti

MILANO (ITALPRESS) – Dolore di stomaco, bruciore nella parte superiore dell’addome dopo i pasti e sazietà precoce, sono i sintomi di una patologia diffusa in Italia e che viene indicata dai pazienti genericamente come ‘mal di stomacò. La dispepsia funzionale, disturbo gastrointestinale che colpisce l’11% degli italiani, in prevalenza donne, ha pesanti conseguenze sulla vita […]


Giornata Mondiale delle Malattie Rare, un impegno per la ricerca

ROMA (ITALPRESS) – “Giornata Mondiale delle Malattie Rare: quali sfide per il futuro?” è il titolo del convegno che si è svolto oggi (28 febbraio) presso la Sala del Refettorio della Camera dei Deputati. Aperto dai saluti istituzionali del Vicepresidente della Camera dei Deputati Giorgio Mulè, del Sottosegretario di Stato alla Salute Marcello Gemmato e […]


Scheda allenamento a casa per un workout total body

Gli esercizi fondamentali per riuscire a stimolare i muscoli di tutto il corpo e liberare la mente dalle preoccupazioni senza andare in palestra


Perché dovresti mangiare le patate dolci

Oltre ad essere deliziose, le patate dolci sono piene di vitamine che possono supportare il tuo benessere generale. Le patate dolci sono facili da incorporare nella tua dieta regolare e offrono una serie di benefici per la salute, inclusi capelli sani. Michelle Grainger, direttore esecutivo della North Carolina Sweetpotato Commission, spiega perché...


Stop al numero chiuso per Medicina, gli effetti perversi del populismo

Il nostro sistema sanitario non sempre funziona e i casi di malasanità nel nostro Paese purtroppo sono all’ordine del giorno. Ma crediamo di non sbagliarci se consideriamo il populismo applicato alla medicina la causa principale dei mali della nostra sanità, insieme ai mancati investimenti (il mancato utilizzo del Mes sanitario continua ad essere u...


Cistite: cos'è, le cause e i rimedi naturali

La cistite deve essere oggetto di un consulto medico perché, se non trattata, può evolvere e dare origine ad una grave infezione, come quella dei reni (pielonefrite). Tuttavia, se non si riesce a consultare il medico entro 24 ore, ci sono alcuni rimedi naturali per alleviare i sintomi dolorosi e rallentare l'infezione


In terapia intensiva a 8 anni per un pezzo di matita, salvato a Milano

(Adnkronos) - Un pezzo di matita gli era entrato nelle vie respiratorie chiudendogli una parte di polmone. Ma nessuno se n'era accorto finché Andrea, 8 anni, è stato talmente male da finire ricoverato nella Terapia intensiva pediatrica (Tip) del Policlinico di Milano, dove il frammento di lapis è stato rimosso con successo trasformando un dramma sfiorato in un'avventura a lieto fine da raccontare. Una vicenda cominciata però nel modo peggiore,...


Nebbia cerebrale post Covid: sintomi, cause e nuovi studi. Alessandra Vergori: «Ipotesi infiammazione al cervello»

Nell'epoca post-pandemica, uno dei sintomi più dibattuti e investigati che continua a emergere nel post COVID-19 è la cosiddetta "nebbia cerebrale". Questa condizione, caratterizzata da confusione, difficoltà di concentrazione e problemi di memoria, rappresenta una sfida sia per chi ne soffre sia per la comunità medica che cerca di comprenderne cause e trattamenti. Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Alessandra Vergori, dirigente medico e ricercatrice presso la UOC Immunodeficienze Virali dell'Istituto Spallanzani di Roma, per approfondire questo argomento affrontato recentemente anche attraverso uno studio del "Trinity College Dublin Allied Researchers Bioresource". Dottoressa cos’è la nebbia cerebrale post COVID? La nebbia cerebrale post COVID-19 è un termine che viene utilizzato per descrivere una serie di sintomi neurpsicologici che alcune persone sperimentano dopo essere state infettate dal virus SARS-CoV-2, il virus responsabile della COVID-19. Questi sintomi possono includere confusione mentale, difficoltà di concentrazione, difficoltà di memoria e disturbi psicologici. Può colpire persone di tutte le età, anche coloro che hanno avuto una forma lieve di COVID19. A cosa è dovuta? Non è ancora completamente compreso come il virus influisca sul sistema nervoso e provochi questi sintomi. È importante però sottolineare che la ricerca su questo argomento è ancora in corso, e gli esperti stanno cercando di capire meglio la natura e la durata di questi sintomi. Alcune ipotesi suggeriscono che il virus possa causare infiammazione nel cervello, interferire con il flusso sanguigno cerebrale o avere altri effetti diretti sul sistema nervoso centrale. Potrebbe spiegare in dettaglio lo studio condotto dal trinity college sul cosiddetto Long Covid? Questo recente studio pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience ha dimostrato che la compromissione della barriera ematoencefalica, durante l'infezione acuta e nei pazienti con sintomi PostCOVID può determinare uno stato infiammatorio persistente in grado di causare deterioramento cognitivo, noto come "brain fog" o nebbia cerebrale. Come interpretate il collegamento tra la nebbia cerebrale post COVID e le alterazioni riscontrate nel cervello? La barriera ematoencefalica è una barriera anatomica che separa il sistema circolatorio del cervello dal resto del corpo con un ruolo chiave nella protezione del cervello da infezioni, tossine e sostanze potenzialmente dannose presenti nel sangue. La presenza di questa compromissione nei pazienti con long COVID e brain fog e la contestuale infiammazione sistemica persistente è proprio ciò che è stato riscontrato mediante tecniche avanzate di risonanza magnetica e test specifici su sangue. Presso INMI risultati preliminari su compromissione neuropsicologica in Long Covid Presso il nostro centro è stato condotto uno studio che ha esaminato la performance cognitiva e psicologica in pazienti affetti da sindrome Post COVID. Sono stati valutati 520 pazienti attraverso un'analisi neuropsicologica completa e l’utilizzo questionari su sintomi d'ansia/depressione e qualità del sonno. L'89% dei pazienti riportava esiti cognitivi lievi definiti come l’alterazione di almeno un test. A lungo termine, il 12% e il 9% dei pazienti hanno mostrato deficit nella memoria a breve termine e nella memoria relata al ragionamento e alla guida dei processi decisionali (memoria di lavoro). Inoltre, il 47% ha riportato ansia e il 31% una qualità del sonno peggiore. Nei pazienti precedentemente ospedalizzati per COVID19, è stata osservata una percentuale maggiore di alterazione cognitiva, in particolare nella memoria verbale a breve e lungo termine e una peggiore qualità del sonno; al contrario, sintomi ansioso-depressivi sono stati riscontrati nei pazienti non precedentemente ospedalizzati. Interessante la relazione tra queste alterazioni e la salute psicologica, vale a dire che ansia e depressioni potrebbero anche spiegare le alterazioni cognitive riscontrate. Inoltre, sembra che il genere femminile sia associato ad un aumentato rischio di alterazioni nella qualità del sonno e sintomi psicologici. Questo potrebbe aprire nuove vie per il trattamento di questa condizione? Attualmente, le prospettive terapeutiche per la nebbia cerebrale stanno emergendo man mano che gli scienziati e i professionisti medici comprendono meglio questa condizione. È importante notare che il termine nebbia cerebrale può essere utilizzato in modo piuttosto generico per descrivere una serie di sintomi cognitivi, e le opzioni terapeutiche possono variare in base alla causa sottostante. E’ sicuramente utile un approccio multidisciplinare che includa: gestione dei sintomi, terapie cognitive, fisioterapia e riabilitazione, esercizio fisico, gestione dello stress, una dieta equilibrata e uno stile di vita sano. Per quanto riguarda le terapie specifiche: sono in corso alcune sperimentazioni con farmaci i cui risultati definitivi non sono al momento conosciuti. La nebbia cerebrale può avere notevoli implicazioni sociali, influenzando le relazioni interpersonali, l'ambito professionale e la partecipazione ad attività sociali.


I benefici degli anticopri monoclonali anti CGRP nella cura dell'emicrania

I benefici degli anticopri monoclonali anti CGRP nella cura dell'emicrania


Integratori alimentari: in quali circostanze risultano utili?

Sotto la denominazione integratori alimentari rientra tutta una serie di prodotti il cui obiettivo principale...


Filler alle guance: tutto quello che c’è da sapere

Il filler alle guance sta diventando sempre più popolare. Ne sentiamo parlare spesso, in tv...


Osteopatia e otorinolaringoiatra per il trattamento degli acufeni

Roma 1 mar. (askanews) - Un approccio innovativo, risultato di una collaborazione inaspettata. Il mondo dell'osteopatia e dell'otorinolaringoiatra si "stringono la mano" per il trattamento degli acufeni. Fabio Abrate, osteopata, ha iniziato quasi per caso a dedicarsi alla cura degli acufeni, che spesso rappresentano un sintomo trascurato, ma che risulta debilitante per chi ne è affetto. Con una specializzazione in ambito Osteopatico nella sfera cranio-cervico-mandibolare e otorinolaringoiatrica (Abrate ha iniziato a collaborare con il Dott. Marco Romagnoli, Specialista in Otorinolaringoiatria): Un giorno - racconta Fabio Abrate - è arrivato questo paziente dietro suggerimento del suo otorino. Incuriosito dal fatto che un medico indicasse una terapia osteopatica ho iniziato a interfacciarmi con lui, e, scoprendo che possedeva un background culturale di indirizzo osteopatico, avendo collaborato in passato con scuole di osteopatia in studi sperimentali sulla terapia di vari disturbi della sfera ORL, abbiamo iniziato a confrontarci, fino a quando non mi ha proposto di occuparmi di un paziente che si era rivolto a lui per un acufene. dopo che furono naturalmente escluse tutte le cause correlabili ad una patologia di interesse medico, ho iniziato a trattare il paziente e ha risposto benissimo alle cure, tant'è che il suo acufene è sparito.questo è stato l'inizio di un lavoro che ormai prosegue da diversi anni . L'elemento chiave di questa collaborazione è il trattamento manuale degli acufeni somatosensoriali o miofasciali, una tipologia di acufeni legata a squilibri muscolo-tensivi del corpo. Dopo aver escluso tutte le possibili implicazioni mediche, attraverso esami approfonditi da parte del Dott. Romagnoli, il testimone passa all'osteopata Abrate. L'acufene, infatti, molto spesso può essere causato da un disequilibrio presente nel paziente: , "prendendo spunto da numerosi lavori scientifici nel campo dell'otoneurologia e della clinica siamo stati i primi ad applicare i dettami dell'osteopatia nel campo dell'acufene), e la cosa ci riempie di orgoglio racconta l'osteopata. La risposta positiva ottenuta fino a questo momento coinvolge quasi il 90% dei pazienti trattati, che hanno mostrato miglioramenti significativi, con addirittura il 30% (26%...) di risoluzione totale degli acufeni (in questo caso di tipo somatosensoriale). Questi risultati rappresentano un successo per noi, soprattutto considerando che i pazienti trattati hanno riportato un miglioramento nella qualità della vita, oltre a una notevole riduzione dello stress legato alla condizione racconta l'osteopata. Un lavoro, quello di Abrate, funzionale al riequilibrio totale del corpo poiché, come spiega lui stesso questo è il principio dell'osteopatia, la ricerca di un equilibrio fisico, per poi focalizzarsi nella zona macroregionale specifica da trattare. È un lavoro sistemico ma anche specifico, perché poi ci sono dei punti in particolare su cui concentrarsi . La possibilità di trattare un sintomo complesso, ma soprattutto così incidente nella vita quotidiana dei pazienti dà grande soddisfazione ai professionisti, che sono alla continua ricerca di nuovi trattamenti e con la volontà, inoltre, di condividere queste possibilità di intervento con i colleghi di tutta Italia. Abbiamo deciso di dar vita a dei corsi formativi e divulgativi, con due edizioni che partiranno già a febbraio e marzo, mirati a diffondere questa conoscenza tra professionisti della salute, offrendo così una speranza tangibile a chi soffre di acufeni, evitando loro un lungo viaggio fuori regione a fare chilometri per venire da noi. I nostri studi, a Carate Brianza nel mio caso e a Muggiò per il Dott. Romagnoli, proseguono e si arricchiscono ogni giorno di nuove osservazioni e pensiamo debbano essere condivisi proprio per il bene comune conclude Abrate.


I benefici dello «slow fitness»

Lo «Slow fitness» è un approccio più consapevole all'esercizio fisico che comprende l'allenarsi a un ritmo più lento e concentrarsi sulla costanza. Sostituire allenamenti veloci e intensi con esercizi più lenti e consapevoli può ancora risultare in un miglioramento della forma fisica e della forza. «Quando si gestisce uno stile di vita frenetico, u...


Biohacking, la nuova tecnologia che aiuta a migliorare le prestazioni di corpo e mente

Non è raro, negli ultimi tempi, imbattersi nella parola «biohacking» quando si parla di benessere e salute. Letteralmente il termine ha...


Shannen Doherty: “Il cancro mi ha portato via la libido”

Shannen Doherty, attrice celebre per il suo ruolo in “Beverly Hills 90210”, condivide da anni...


Attenzione, troppe proteine fanno male a cuore e arterie

Qual è il legame tra proteine e cuore? Questo macronutriente è al centro dell’attenzione per la sua capacità di aumentare la massa magra e per controllare l’appetito. Esattamente come carboidrati e grassi, non devono mai mancare dalla propria dieta, se si vogliono evitare conseguenze. Legame tra proteine e cuore: troppe fanno alzare il rischio di … L'articolo Attenzione, troppe proteine fanno male a cuore e arterie proviene da OK Salute e...


Afte della bocca

Le afte della bocca sono lesioni della mucosa orale caratterizzate da abrasioni od ulcerazioni rotondeggianti del diametro di 2-5 mm, anche se talvolta possono raggiungere dimensioni superiori al centimetro. Dolorose spontaneamente o per contatto, leggermente profonde e circondate da un alone rossastro, le afte orali possono essere singole o presentarsi a gruppi. Normalmente guariscono in...


A Roma apre Kinèsis: il centro polifunzionale per i disturbi dell’ATM ideato dal Dottor Emanuele Puzzilli

(Adnkronos) - Roma, 28 febbraio 2024 – È stato recentemente inaugurato a Roma il nuovo centro polifunzionale Kinèsis (https://www.studiodontoiatricopuzzilli.it/centro-polifunzionale-puzzilli/) ideato dal Dottor Emanuele Puzzilli, affermato professionista nel campo dell’odontoiatria ed esperto di estetica del sorriso. Kinèsis – situato all’interno dello studio White del Dottor Puzzilli, rappresenta un polo d’eccellenza e d’avanguardia nel...


Nuovo farmaco contro le allergie alimentari gravi

Arriva un nuovo farmaco contro le allergie alimentari mediate da immunoglobuline E. La Food and Drug Administration, l’agenzia degli USA che si occupa di regolare il mercato dei medicinali, ha approvato omalizumab. Si tratta del 4% della popolazione adulta, che raddoppia nei bambini fino all’8. Nuovo farmaco contro le allergie alimentari: come funziona? È un … L'articolo Nuovo farmaco contro le allergie alimentari gravi proviene da OK Salute e...


In che senso il ciclo mestruale modifica il cervello?

Alcuni studi hanno evidenziato che le oscillazioni ormonali delle mestruazioni cambiano la struttura della materia grigia, dell'ippocampo e delle aree circostanti al lobo temporale mediale


Alopecia androgenetica femminile

L'alopecia, ovvero la perdita di capelli localizzata o diffusa, è un fenomeno che interessa ampie fasce di popolazione, sia maschile che femminile. Nella forma più comune e diffusa, la perdita di capelli è legata all'azione degli ormoni androgeni su un terreno geneticamente predisposto; si parla pertanto di alopecia andro-genetica. Secondo recenti stime, tale condizione interessa 18 milioni di italiani e 4 milioni di italiane, tanto che all'età...


Rocca "Decongestionare Pronto Soccorso con reparti a bassa intensità"

ROMA (ITALPRESS) - "Questa struttura fa parte del programma di potenziamento dei posti letto al San Camillo, a breve c'è il reclutamento degli anestesisti e rianimatori, quindi ci saranno i nuovi 18 posti letto di terapia intensiva". Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca, a margine dell'inaugurazione della nuova Unità di degenza a Gestione Infermieristica - UGI, dell'ospedale San Camillo Forlanini. “Decongestionare i Pronto Soccorso, riportare gli ospedali alla loro naturale funzione: gestione delle emergenze e dei pazienti acuti. L'Unità di degenza a Gestione Infermieristica che oggi inauguriamo al San Camillo-Forlanini è un passo importante in questa direzione. La nostra è una Regione dove il numero di anziani è alto e continuerà a crescere nei prossimi anni. Dobbiamo essere pronti ad affrontare l'invecchiamento della popolazione, le cronicità e le comorbidità" ha concluso Rocca "spazi come questi, con 18 posti letto, guidati da personale infermieristico e supervisionati dalla Direzione Sanitaria, consentiranno ai più fragili una più tempestiva ed efficace presa in carico” ha continuato Rocca. xc3/pc/gtr


Insaziabili attacchi di fame prima del ciclo? Ecco il perché!


Eka Pada Koundinyasana, una sfida per l'equilibrio

Sanihelp.it - Il nome Eka Pada Koundinyasana indica la posizione del Saggio Koundinya con una gamba sola. È considerata una posizione avanzata in quanto richiede equilibrio, forza e controllo, ma non è impossibile da eseguire. Vediamo come realizzarla e quali possono essere i suoi benefici. Come eseguire la posizione Per eseguire questa posizione si inizierà in appoggio sulle ginocchia. Pian piano ci si sposterà in avanti e ci si appoggerà sulle...


Questi esercizi di pilates per i glutei si fanno in soli sette minuti

Quattro idee per chi ha poco tempo ma non rinuncia ad allenarsi


Digiuno: tutto quello che c'è da sapere

Il digiuno consiste nel smettere di mangiare quasi completamente per un certo periodo di tempo. La ricerca suggerisce che il digiuno può avere diversi benefici per la salute, tra cui il miglioramento della salute cardiaca e un migliore controllo della glicemia. Roberta Baldo, di Baldo and Mason Nutritionists, ha rivelato tutto quello che c'è da sap...


Perché dovremmo avere tutti un purificatore d’aria

Una scarsa qualità dell'aria all’interno dell’abitazione può influire negativamente sulla sull'energia, sulla qualità del sonno e sulla concentrazione


Dispepsia funzionale, un nuovo farmaco per trattare sintomi ricorrenti

MILANO (ITALPRESS) - La dispepsia funzionale è una patologia che colpisce l’11% degli italiani. I principali sintomi sono Dolore e bruciore di stomaco, pesantezza dopo i pasti e sazietà precoce. Bayer lancia sul mercato italiano un farmaco fitoterapico in grado di trattare contemporaneamente più sintomi ricorrenti associati alla patologia, IberogastAdvance. f03/fsc/gtr


Covid, Vaia “Dato della decrescita si è ormai standardizzato”

ROMA (ITALPRESS) – Nella settimana compresa tra il 22 e il 28 febbraio, secondo i dati del bollettino del ministero della Sanità sulla situazione epidemiologica da Covid-19, si registrano 1.103 nuovi casi positivi con una variazione di -31,4% rispetto alla settimana precedente (1,607). Sono 39 i deceduti con una variazione di -25% rispetto alla settimana […]


Malattia del deperimento cronico, cos’è il rischio spillover: “Cervi zombie, violenti e con bava alla bocca” colpa di un prione

La malattia del deperimento cronico detta anche malattia del cervo zombie sta diventando un vero problema soprattutto negli Stati Uniti. Si tratta infatti di una patologia che colpisce i cervidi ed è causata, come il morbo della mucca pazza, da un prione, ossia da una molecola proteica mutata che può infettare anche le altre proteine. Malattia mort...


Parliamo di obesità e...

Sanihelp.it - La Giornata mondiale dell'obesità del 4 marzo si propone di avviare conversazioni trasversali, guardare alla salute, ai giovani e al mondo che ci circonda per affrontare insieme l'obesità condividendo conoscenze e strategie. Secondo l'ultimo Rapporto Barometro dell'Obesità dell'Italia, redatto dalla Fondazione Ibdo in collaborazione con Istat, Coresearch e Bhave con il contributo assoluto di Novo Nordisk in Italia sono oltre 25...


Se l'Hotel Terme di Merano è la meta perfetta per ricominciare (da sé)

Tra piscine che avvolgono e vapori che temprano mente e corpo, d'inverno o d'estate è l'Hotel Terme Merano il luogo su cui puntare. Dal nuovo numero di Cosmopolitan ora in edicola


Questi cibi fermentati miglioreranno la tua salute


Dall’alito pesante alla puzza di piedi: come risolvere imbarazzanti problemi di salute

Ci sono problemi di salute non gravi, ma che creano imbarazzo in che ne soffre....


Come combattere l'esaurimento

Secondo nuove ricerche, la stanchezza sta influenzando il benessere generale di un terzo degli adulti nel Regno Unito. Nuove ricerche di Pro Plus hanno rivelato che quattro adulti su dieci nel Regno Unito hanno preso giorni di ferie a causa dell'esaurimento e i giovani adulti tra i 18-24 anni stanno operando al 43% del loro potenziale energetico. «...


Così si cura la sciatica con i rimedi naturali

La sciatalgia può colpire chiunque, ma predilige particolarmente i soggetti obesi, affetti da diabete e chi ha subito traumi alle natiche, alle cosce e alle gambe


Infezioni da Candida nell’uomo: come riconoscerle e curarle?

La Candida è un’infezione micotica che può colpire sia gli uomini che le donne. Vediamo come si manifesta nell’uomo, come curarla e prevenirla


Crescita mammaria nell’uomo: e se si trattasse di ginecomastia?

L'ingrossamento del tessuto mammario, che può interessare entrambe le mammelle o manifestarsi in modo asimmetrico, può essere causa di grande disagio. Ecco i motivi alla base di questa condizione e le cure


Fiorello: «Lo sport è la mia medicina, dopo i 50 anni ho iniziato ad assumerla tutti i giorni»

Si definisce «un pigro con la necessità di restare attivo» e assicura che la mattina, anzi all’alba, quando è ora di alzarsi per raggiungere il «glass» di Viva Rai2!, al Foro Italico di Roma, è lui che sveglia la sveglia. «Sono molto mattiniero, provate a parlare con me alle quattro del mattino: sono imbattibile!». Non … L'articolo Fiorello: «Lo sport è la mia medicina, dopo i 50 anni ho iniziato ad assumerla tutti i giorni» proviene da OK...


iMed Medical si impegna per incrementare il turismo sanitario in Turchia con una serie di servizi personalizzati

(Adnkronos) - Istanbul, 28/02/2024 - Secondo iMed Medical, la ricchezza culturale di Istanbul attira sempre più turisti in Turchia. Oggi, i turisti possono usufruire di trattamenti medici all’avanguardia integrandoli ad un periodo di vacanza ad Istanbul. Istanbul è un importante punto di riferimento e di connessione tra l’Europa e l’Asia, che attira l’attenzione dei turisti stranieri anche per una vasta gamma di trattamenti sanitari...


Globesity. La fame del potere

Sanihelp.it - Globesity. La fame del potere (Edizioni Minerva 2024) è il primo romanzo di Andrea Segrè, professore di economia circolare e divulgatore scientifico, fondatore del movimento spreco zero in Italia e in Europa, noto per il lungo impegno in ambito saggistico intorno ai temi dello spreco alimentare e dello sviluppo sostenibile. Il libro che si propone come un food thriller esce in libreria dal 28 febbraio, proprio alla vigilia della...


Le pratiche per vivere meglio e più a lungo

Dall'alimentazione all'allenamento fino alla gestione emotiva e spirituale: l'esperto spiega i segreti della longevità


Mio figlio, la sindrome di Charge e la nostra vita che continua

“La Lega del Filo d'Oro mi ha fatto scoprire che il mio cucciolo è uno bambino stupendo”


Smog e fertilità, le polveri sottili nell'aria «riducono le possibilità di avere un figlio». L'allarme sia per le donne che per gli uomini

Lo smog fa male alla salute dell'uomo, alla fauna e all'ambiente. Ma questa non è una novità, così come non è più...


Covid, nell’ultima settimana dati in calo

ROMA (ITALPRESS) – Nella settimana compresa tra il 15-21 febbraio, secndo i dati del bollettino del ministero della Sanità sulla situazione epidemiologica da Covid-19, si registrano 1.607 nuovi casi positivi con una variazione di -27,7% rispetto alla settimana precedente (2.223). Sono 52 i deceduti con una variazione di -43,5% rispetto alla settimana precedente (92), mentre […]


Erba Legale: Miti da Sfatare e Realtà da Conoscere

(Adnkronos) - Milano, 1 Marzo 2024. Nonostante la sua storia millenaria e la recente legalizzazione in diversi Paesi, la cannabis, o come alcuni preferiscono chiamarla erba legale, rimane al centro di innumerevoli controversie e malintesi. Da pianta sacra a simbolo di controculture e proteste, la marijuana ha attraversato secoli di storia, spesso avvolta da un'aura di mistero e pregiudizio. In questo articolo, ci immergeremo nel cuore della...


L’autostima va presa per i capelli

Hairloss inflencer e innovazione scientifica a braccetto per combattere lo stigma che affligge gli uomini che perdono i capelli


Skincare preadolescenti: quali sono i prodotti adatti?

Beauty tutorial, prodotti colorati e confezioni accattivanti: qualunque sia il motivo, sembra che i preadolescenti, generalmente tra i 9 e i 12 anni, mostrino un interesse sempre maggiore per la skincare. Tanto che negli ultimi tempi, su TikTok, è diventato popolare un fenomeno chiamato #sephorakids, associato ai bambini che si recano nelle profumerie per acquistare … L'articolo Skincare preadolescenti: quali sono i prodotti adatti? proviene da...